Jon Kessler

 

L'Artista

Jon Kessler è un artista noto per le sculture cinetiche che espongono la loro parte meccanica allo spettatore; opere che uniscono spesso tecnologia analogica e digitale e che hanno implicazioni politiche. Ha ricevuto un B.F.A. dallo State University di New York nel 1980 e nello stesso anno ha completato The Independent Study Studio Program al Whitney Museum of American Art. Kessler è stato professore alla Columbia University School of the Arts dal 1994. Più recentemente, si è concentrato sullo sviluppo di pezzi di installazione immersivi.
Jon Kessler ha iniziato a esporre nei primi anni '80 delle opere dalla forma di scatole d'ombra attaccate al muro. Oggetti trovati e fabbricati, illuminati e meccanizzati, che creavano scenari, sia astratti che figurativi. L'artista lasciava volutamente i lati aperti per esporre i meccanismi: un semplice spostamento della posizione dello spettatore rivelava il funzionamento interno "dietro le quinte". Le sculture degli anni '90 sono diventate più grandi con valori di produzione più alti. Dopo l'11 settembre, l'artista sostiene di essere ossessionato
dall'immagine di ciò che i terroristi hanno visto dall'abitacolo prima dell'impatto, quindi ha deciso di ricrearlo usando una telecamera di sorveglianza. Da allora, il suo lavoro è diventato più politico. Tuttavia, la crudezza e l'immediatezza del lavoro attuale incorpora una giocosità che ricorda le sculture realizzate negli anni '80. I meccanismi sono visibili con poco o nessun tentativo di "finire" i pezzi: una volta che le sculture funzionano, le lascia in forma di prototipo con i morsetti e il nastro necessari per tenerli assemblati.
Dal 2004, ha creato installazioni video di dimensioni reali che occupano lo spazio. Queste installazioni implicano gli spettatori, trasformandoli in oggetti da ricognizione e oggetti sorvegliati: questo crea una relazione simbiotica tra la telecamera e lo spettatore, che continua al suo interno come spettatore e performer, voyeur ed esibizionista.
Il suo interesse per ciò che accade tra lo spettatore e l'oggetto artistico è rimasto coerente. Il lavoro di Kessler continua a giocare coscientemente in quell'arena, controllando l'esperienza dello spettatore del pezzo, mentre offre anche uno scorcio del meccanismo di quella manipolazione.
Le recenti mostre personali includono: Century Pictures, New York (2017); Jon Kessler's Gifts, Salon 94, Freemans Alley, New York (2015); The Web, Swiss Institute, New York (2013); Ethan Cohen Belle Arti, Beacon, New York (2012). Kessler ha partecipato a numerose mostre collettive tra cui all' ICA di Boston (2018); Palais de Tokyo, Parigi (2018); Whitney Museum of American Art, New York (2017); Carnegie Museum of Art, Pittsburgh (2017); Wellin Museum of Art, Hamilton (2016); Gerald Peters Gallery, New York (2016); MOSTYN, Galles (2015); Red Bull Studios, New York (2014); Museo Tinguely, Basilea, Svizzera (2013); MACRO, Roma (2011); Park Avenue Armory, New York (2008); Whitney Museum of Art, New York (2005); Ethan Cohen Fine Arts, New York (2004); Bronx Museum, New York (2003); CRP Gallery, Brooklyn (2000); Galleri K, Oslo (1999). Il lavoro di Kessler è ora nelle collezioni permanenti del Museum of Modern Art, del Whitney Museum of American Art, del Walker Art Center e del Museum of Contemporary Art di Los Angeles.

Scarica il CV di Jon Kessler in PDF

 

Opere

Download artworks check-list

Firenze
Piazza Carlo Goldoni 2
50123 | Firenze | Italia
T. (+39) 055 661356
gallery@eduardosecci.com
www.eduardosecci.com

 
Facebook Instagram Twitter YouTube Artsy Artnet

Chiuso dal 22 Dicembre 2018 al 6 Gennaio 2019

 

Eduardo Secci Contemporary s.r.l soc. unip.
Cap. Soc. IV 1.000.000,00 €
IT C. F. P.IVA N. ISCR. REG. IMP. FI 06421100485
Sede Legale Piazza Carlo Goldoni 2
50123 | Firenze | Privacy & Cookies